10th - Ago - 2016

Le scuole adottano gli SMS A2P: prova che servono alle PMI come alle multinazionali

Graphic of a pencil, diploma and a mortarboard

Una delle battute preferite dei miei amici è dire che non sanno in che settore lavoro. Io rispondo che il mio settore è la messaggistica mobile basata sul cloud, ma per un gruppo di persone che operano nei più grandi settori del pianeta (costruzione, dettaglio, ecc.), questa risposta non è sufficiente. Forse il mio settore è noto solo a chi di fatto ci lavora: le persone che ogni giorno sono esposte a tutti i dettagli degli SMS A2P.

Ciò nonostante, faccio il possibile per spiegarglielo. Ma per quanto mi sforzi, giungono sempre alla stessa conclusione: gli SMS A2P sono usati soltanto dalle multinazionali e non servono alle piccole e medie imprese. È vero che le grandi aziende usano la messaggistica mobile e per diverse ragioni. Ironicamente, i miei amici potrebbero fare diversi esempi personali: l’autenticazione a due fattori del loro account Facebook; i messaggi promozionali che ricevono dalla loro pizzeria a domicilio preferita o ancora le carte di imbarco elettroniche per il volo della prossima vacanza in famiglia a Roma.

Questo per me è frustrante perché dimostra che gli SMS A2P non sono una prerogativa delle grandi multinazionali. Ma non provo più a farglielo capire perché ormai ho la sensazione di “sbattere la testa contro il muro”, come dice il detto. E fidatevi, non conoscete i miei amici!

Ma di recente un mio caro amico ha ricevuto un SMS dalla scuola della figlia più grande, che ha appena iniziato il liceo, che lo informa del prossimo esame della ragazza. Questo messaggio gli ha aperto gli occhi: finalmente ha capito che gli SMS A2P sono un’opzione più che viabile per tutte le PMI nel mondo che vogliono migliorare i propri prodotti o servizi. In questo caso, il servizio migliorato dalla scuola è l’educazione dei suoi studenti. In modo più che opportuno, questo amico mi ha inviato un SMS per dirmi che finalmente aveva capito quello che intendevo! E forse non dovrò più sbattere la testa contro il muro…

Dopo ulteriori ricerche, ho scoperto che sono sempre più numerose le scuole ad adottare gli SMS come mezzo di comunicazione fra l’istituto e i genitori degli studenti. Infatti, alcune scuole stanno adottando l’invio in massa di SMS come metodo privilegiato per comunicare informazioni importanti ai genitori, ad esempio i prossimi esami e test dei figli, le riunioni con i docenti, gli eventi in programma e persino le assenze scolastiche.

Quest’anno, 36 scuole secondarie del Regno Unito hanno partecipato ad un esperimento nazionale in cui i genitori hanno accettato di ricevere notifiche settimanali via SMS sulle date dei prossimi esami dei figli, i compiti che non avevano svolto e le materie trattate a scuola. I risultati dello studio, sviluppato dall’Università di Bristol nel Regno Unito in collaborazione con l’Ivy League dell’Università di Harvard nel Massachusetts, hanno indicato una riduzione nell’evasione scolastica e persino un miglioramento dei risultati degli studenti. Forse anche per la maggiore presenza dei genitori nella vita scolastica dei figli. Qualunque sia la ragione, gli SMS A2P si sono rivelati un grande successo.

Approfondendo le mie ricerche su questo concetto, ho capito il ruolo degli SMS A2P nelle scuole. Nel 2015, The Times of India ha scritto che il Ministero della pubblica istruzione indiano aveva adottato un programma di messaggistica obbligatorio per informare i genitori sulla frequenza scolastica dei figli. L’iniziativa voleva contrastare l’evasione scolastica, aumentare la frequenza degli alunni e prevedeva anche delle ricompense economiche per gli istituti meglio classificati.

Penso che un’iniziativa di questo genere nel settore dell’educazione possa solo essere positiva, dato che l’assenteismo e i risultati degli studenti sono un problema da sempre. Visto che entrambe le problematiche possono essere limitate dagli SMS, come dimostrato in questo articolo, non ci vorrà molto prima che le scuole si accorgano del potenziale della messaggistica di testo. Considerata anche l’elevata velocità di lettura degli SMS, ben superiore a quella delle e-mail, non credo che ci vorrà molto…

Gli SMS sono già una realtà nel mondo dell’istruzione superiore. Quando studiavo all’università, mi ricordo bene che alla prima lezione mi è stato chiesto di comunicare il mio numero di cellulare per poter essere informato su cambiamenti di aula, cancellazioni di classi ed eventuali avvisi sulla mia condotta (fortunatamente, questi non li ho mai ricevuti!).

Ma tornando al punto… i promemoria SMS possono aiutare gli studenti a conseguire più crediti all’università, come indica uno studio statunitense. Gli studenti della Fairmont State University nel West Virginia hanno aderito ad un programma per ricevere SMS mensili contenenti promemoria utili e inviti a consultare più spesso i loro tutori. Nel loro articolo si legge, “questa è la prima prova empirica che dimostra l’efficacia di programmi a costo ridotto come questo”.

Nella mia modesta opinione, quanto detto è prova che gli SMS A2P non sono un’esclusiva delle grandi multinazionali. È vero, tutti noi abbiamo ricevuto messaggi di testo da una grande azienda. Ma anche le piccole e medie imprese possono beneficiare della messaggistica di testo per svariate ragioni e migliorare così la loro offerta di prodotti.

Con strumenti Web come Batch Sender, Mblox fornisce tutto ciò che serve per implementare le campagne di messaggistica di testo per le PMI in pochi clic. Iscriviti al Free Trial e scopri personalmente la viabilità degli SMS.

Autore: Lewis Williams, Cordinatore di marketing di CLX

Originally posted on mblox.com

Signup for Blog Updates