14th - Giu - 2017

Acquisizione di Dialogue – Domande e risposte con il CEO Johan Hedberg

Graphic of profiles of two people with a lightbulb above them

Conclusa la recente acquisizione di Dialogue Group, fornitore di servizi di messaggistica e sicurezza con sede nel Regno Unito e con uffici a Londra, Sydney e Singapore, abbiamo intervistato il CEO di CLX, Johan Hedberg, per scoprire cosa significa questa acquisizione per l’azienda e quali vantaggi futuri porterà ai clienti.

Può spiegarci il background e la razionale dietro all’acquisizione di Dialogue?

CLX era particolarmente forte nelle regioni EMEA e Nord America. D’altro canto, Dialogue era riuscita a espandere con successo la sua presenza Tier 1 nell’Asia Pacifico. In quanto azienda orientata all’espansione, valutiamo continuamente i modi in cui superare la traiettoria di crescita organica che seguiamo da due anni a questa parte e distaccare la concorrenza accelerando l’ingresso in nuovi mercati.

L’Asia Pacifico è una regione importante e a rapida crescita, dove dobbiamo consolidare la nostra attuale presenza di mercato. L’acquisizione di Dialogue ci ha permesso di accelerare l’accesso al mercato APAC, aggiungendo alla nostra rete una serie di connessioni Tier 1 vitali. L’integrazione di Dialogue nella sempre più grande famiglia CLX rafforza significativamente la nostra base di clienti nel Regno Unito e in Australia.

Oltre alla suddetta razionale, il nostro impegno costante è assistere gli operatori di telefonia mobile in tutto il mondo nella lotta contro la frode e lo spam. Il prodotto Sentinel di Dialogue era l’aggiunta perfetta alla nostra suite di prodotti firewall e di sicurezza Signalling.

Quali vantaggi porterà questa acquisizione ai clienti aziendali nuovi ed esistenti di CLX e Dialogue?

Più connessioni Tier 1 combinate, sia per i clienti di Dialogue che di CLX, vuol dire che la nostra base di clienti combinata potrà raggiungere più destinazioni, con qualità superiore e costi più convenienti. Avere una copertura Tier 1 di alta qualità è sempre più importante per le multinazionali basate negli Stati Uniti che cercano di entrare nei mercati emergenti e sono alla ricerca di un fornitore in grado di offrire una soluzione globale per le loro esigenze di comunicazioni di livello enterprise.

In seguito all’acquisizione, la rete Tier 1 di CLX aggiungerà i seguenti paesi ai 70 esistenti: Nuova Zelanda, Singapore, Malesia, Bangladesh, Vietnam, Cambogia, Giappone, Filippine, Indonesia ed Egitto.

Quali vantaggi porterà questa acquisizione ai clienti operatori di telefonia nuovi ed esistenti di CLX e Dialogue?

Il nostro portafoglio di prodotti include ora la potente soluzione di sicurezza Sentinel di Dialogue. Ciò significa che possiamo dimostrare definitivamente agli operatori di telefonia in tutto il mondo il livello di frode in atto nelle loro reti. In questo modo, sarà più facile per gli operatori giustificare l’adozione dei nostri firewall Signalling, se necessario.

Dialogue è la quarta azienda acquisita da CLX dall’IPO del maggio 2015. A che punto è l’azienda nella sua visione di diventare la più grande e migliore azienda di comunicazioni cloud al mondo?

“Crediamo di essere già un leader nelle comunicazioni cloud e siamo certamente una delle più grandi aziende nel mondo. Il mercato delle comunicazioni cloud sta crescendo rapidamente e ci sono moltissime opportunità per far crescere e innovare la nostra aziende. Continueremo questo percorso per molti anni a venire”.

Qual è il prossimo passo di CLX?

Continueremo a crescere e innovare la nostra aziende, sempre garantendo ai nostri clienti servizi e supporto impareggiabili.

Signup for Blog Updates